You are here
Home > Mondo Tipografico > Dyslexic Typeface: quando la tipografia aiuta a capire la dislessia

Dyslexic Typeface: quando la tipografia aiuta a capire la dislessia

dislexia typeface

Il designer Daniel Britton ha dato vita ad un interessante progetto volto a diffondere e a far comprendere il problema della dislessia. Per la realizzazione di tale progetto, Britton si è affidato alla tipografia, creando uno specifico font che aiuta a capire chi non soffre di questa malattia, come legge le parole un dislessico.

Che cos’è la dislessia?

La dislessia è un disturbo dell’apprendimento che si manifesta con una profonda difficoltà nel leggere ed elaborare velocemente e correttamente le parole di un testo. Le origini di tale disturbo possono essere essenzialmente tre: genetiche, logopediche o visive, e non in tutti i soggetti affetti le manifestazioni del problema sono presenti in egual misura.

E’ stato stimato che, ad oggi, i dislessici nel mondo rappresentino circa il 10% della popolazione, ovvero parliamo di ben 800 milioni di persone. La proporzione di tale diffusione ha portato Britton a pensare che ci fosse l’esigenza di dare una risposta concreta a tutti coloro che da sempre si chiedono “cosa prova un dislessico?”.

La partecipazione, la conoscenza e la condivisione rappresentano certamente una delle forme di cura più importanti per le persone con disagi sociali.

Psicologia alternativa: il font della dislessia

daniel britton
Daniel Britton, inventore del Dyslexic Typeface

Daniel Britton è anch’esso un dislessico. Il suo progetto è nato da una constatazione importante: le persone hanno, purtroppo, un’idea errata della dislessia, che non è affatto un disturbo dell’intelligenza, bensì un “semplice” malfunzionamento del sistema nervoso, nella parte legata alla lettura, alla scrittura e al calcolo.

Britton è fortemente convinto che portare tutte le persone alla reale comprensione di ciò che vive un dislessico, potrebbe rappresentare un passo importante nel miglioramento delle condizioni di vita di chi ne è affetto, soprattutto studenti.

Per tale obbiettivo Britton ha creato il Dyslexic Typeface, ovvero un font grafico che riproduce fedelmente ciò che vede un dislessico quando legge. La promozione dell’iniziativa prevede la distribuzione di un Dyslexia Awareness pack, ovvero un pacchetto contenente del materiale informativo destinato a studenti, famiglie e insegnanti, con l’intento di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’argomento ed arrivare ad adottare nella scuola e nella società delle metodologie che consentano ai dislessici di esprimersi allo stesso livello di tutti gli altri.

Fabiola Ernetti
Fabiola Ernetti
Fabiola Ernetti, classe 1984. Appassionata di libri e scrittura, segue con interesse, come lettrice e come blogger, moltissimi settori, in particolare quello della Psicologia e del Business Management. Il suo credo professionale è basato su due presupposti: la curiosità è la penna migliore, il web il foglio di maggior qualità; la comunicazione è passato, presente e futuro, ovvero la chiave di ogni tipologia di coinvolgimento.

Lascia un commento

Top